Contenuto principale

Messaggio di avviso

2021 03 27 Congresso APartireDaNoi

Si è concluso il Congresso nazionale di Cittadinanzattiva.
Leggi la composizione dell’assemblea dei soci.

Anna Lisa Mandorino è stata eletta Segretaria generale, Antonio Gaudioso Presidente nazionale. Francesca Moccia è stata riconfermata nella carica di vice Segretaria generale ed Anna Rita Cosso di vice Presidente.
Leggi la relazione programmatica di Annalisa Mandorino

Mara Scagni, segretaria regionale del Piemonte è stata eletta nell’Organo di amministrazione

Anna Lisa Mandorino, laureata in Lettere classiche dal 1997 al 2008 si è occupata in Cittadinanzattiva di relazioni esterne, accompagnando fino alla approvazione la proposta di riforma dell’articolo 118 u.c. della Costituzione. Vice segretaria generale uscente, ha coordinato le azioni di promozione dell’attivismo civico e della partecipazione negli ambiti della salute, dei servizi di pubblica utilità, dei diritti umani, dell’educazione. Ha operato inoltre per la diffusione di nuove forme di governance dei processi pubblici, specialmente relative al protagonismo delle comunità locali, al coinvolgimento degli stakeholders, al dialogo istituzionale. È tra le promotrici del Festival della Partecipazione.

Per una organizzazione come la nostra il miglior itinerario di sviluppo possibile è legato alla capacità di fare attrito con il suo tempo, di catalizzare i cambiamenti positivi del suo tempo, di lavorare a ricomporre le fratture del suo tempo, ma, soprattutto, di ascoltare e di saper parlare alle persone del suo tempo. E, pur stando saldamente con i piedi a terra, alla lucidità di leggere se stessa come attrice di una storia che, in relazione alla qualità della democrazia nel nostro Paese e oltre, ha un passato di cui prendersi cura e un futuro tutto da praticare.  Ma, soprattutto, sarà nostro obiettivo fondamentale anche per i prossimi anni di sostenere l’acquisizione di spazio e di potere da parte delle persone che spazio e potere non hanno; rendere alla portata di ogni individuo la scelta della cittadinanza attiva, che è la scelta della “liberazione di ciascuno da condizioni di sudditanza o soggezione”. Intendiamo farlo con l’idea che il cambiamento, lo sviluppo di una organizzazione vanno garantiti a partire dall’esercizio della propria responsabilità individuale, a partire da sé “, ha dichiarato la neo segretaria generale di Cittadinanzattiva Anna Lisa Mandorino.

Antonio Gaudioso, segretario generale dal 2012, imprenditore, è stato eletto invece Presidente Nazionale dell’organizzazione. Laureato in Scienze Politiche, è da sempre impegnato sul fronte della tutela dei diritti dei cittadini e della partecipazione civica. Nel corso del 2020 è stato nominato dal Ministro della Salute, l’On. Speranza, componente della commissione LEA (Livelli Essenziali di Assistenza). È stato tra i promotori della proposta di riforma dell’articolo 118 u.c. della Costituzione, del Festival della Partecipazione e della nascita del Forum Disuguaglianze e Diversità, e promotore del disegno di riforma dell’articolo 117 della Costituzione per garantire la esigibilità su tutto il territorio nazionale del diritto alla salute.

“Per una organizzazione come la nostra il miglior itinerario di sviluppo possibile è legato alla capacità di fare attrito con il suo tempo, di catalizzare i cambiamenti positivi del suo tempo, di lavorare a ricomporre le fratture del suo tempo, ma, soprattutto, di ascoltare e di saper parlare alle persone del suo tempo. E, pur stando saldamente con i piedi a terra, alla lucidità di leggere se stessa come attrice di una storia che, in relazione alla qualità della democrazia nel nostro Paese e oltre, ha un passato di cui prendersi cura e un futuro tutto da praticare.  Ma, soprattutto, sarà nostro obiettivo fondamentale anche per i prossimi anni di sostenere l’acquisizione di spazio e di potere da parte delle persone che spazio e potere non hanno; rendere alla portata di ogni individuo la scelta della cittadinanza attiva, che è la scelta della “liberazione di ciascuno da condizioni di sudditanza o soggezione”. Intendiamo farlo con l’idea che il cambiamento, lo sviluppo di una organizzazione vanno garantiti a partire dall’esercizio della propria responsabilità individuale, a partire da sé “, ha dichiarato la neo segretaria generale di Cittadinanzattiva Anna Lisa Mandorino.

L’Assemblea ha eletto anche l’Organo di amministrazione: fra i componenti Mara Scagni, segretaria regionale del Piemonte

Organo di amministrazione:

Andrea Boschiero
Cinzia Dottori
Liberata Dell'arciprete
Lorenzo Latella
Francesca Moccia
Maria Platter
Tommaso Ruggeri
Mara Scagni
Rino Tortorelli
Tiziana Toto
Matteo Valentino

2021 03 06 CongressoReg LaForzaDiContare

Il 6 marzo è stato celebrato il Congresso regionale di Cittadinanzattiva del Piemonte che ha eletto Nadia Tecchiati come presidente regionale e Mara Scagni a segretario regionale.

Il Congresso è stato aperto dalla relazione del segretario uscente Alessio Terzi (scarica introduzione) che ha passato in rassegna tutte le componenti della attività del movimento: Organizzazione e bilancio, Le assemblee territoriali, Il sistema di tutela, L’empowerment e l’umanizzazione degli ospedali, Il sostegno alle comunità locali, Cronicità, territorio e partecipazione, La scuola come luogo di Cittadinanza, I nuovi progetti.

Mara Scagni ha ribadito gli impegni illustrati nella relazione di candidatura (scarica il documento) ribadendo l’impegno a favore delle comunità locali nelle politiche della cronicità e più in generale al necessità di attivare un monitoraggio civico sulla attuazione del PNRR.

Il Congresso si è svolto necessariamente da remoto con una piattaforma generale e una piattaforma dedicata alle votazioni sulle persone capace di garantire la segretezza del voto. Hanno partecipato alle votazioni 238 aderenti. Come coordinatori delle assemblee territoriali sono stati eletti:

• Acqui Teme/Ovada: Franco Malvicino;
• Alessandria. Giorgio Pizzorni;
• Asti: Enzo Sobrino
• Ciriè: Christian Antisso
• Cuneo: Rinaldo Olocco
• Domodossola: Melina Pitari
• Ivrea Maria: Adele Cattaneo
• Torino: Mauro Bidoni
• Tortona: Giovanni Bolcheni
• Verbania/Omegna: Anna Viotti
• Vinovo: Annalisa Tarantino.

Sono stati nominati rappresentanti di Cittadinanzattiva del Piemonte APS nell’Assemblea degli Enti Associati a Cittadinanzattiva nazionale APS:

• MaraScagni: 136 voti
• Giorgio Pizzorni: 100 voti
• Mauro Bidoni: 97 voti
• Nadia Tecchiati 38 voti
• Ugo Giuseppe Viora 22 voti
Non eletti e membri supplenti
• Giacomo Audisio 17 voti
• Simonetta Paola Ferrero 15 voti
Come membri dell’Organo Amministrativo di Cittadinanzattiva del Piemonte APS sono stati eletti
• Giorgio Pizzorni 114 voti
• Mauro Bidoni 101 voti
• Ugo Giuseppe Viora 81 voti
• Maria Teresa Tuninetti 71 voti;
• Sabrina Pucci 33 voti
• Giacomo Audisio 31 vori
• Maria Candida Vassallo 28 voti;

Non eletta e membro supplente:

• Simonetta Paola Ferrero con 20 voti

Al termine dei lavori l’assemblea ha eletto Alessio Terzi come presidente onorario di Cittadinanzattiva del Piemonte.

copertina fb x congresso AZZURRO

Sabato 6 marzo, Cittadinanzattiva Piemonte APS in Congresso. Nuove cariche elettive.

Vedi anche: Magazine della Cittadinanza Attiva in Piemonte – Più sai, più sei

"Dovunque un essere umano si trovi in situazioni di soggezione, sofferenza e alienazione e queste situazioni siano imputabili a responsabilità individuali, sociali, organizzative ,istituzionali o culturali, Cittadinanzattiva interviene in sua difesa, senza distinzioni di razza, nazionalità, condizione sociale, sesso, età’ ,religione, appartenenza politica e statuto giuridico, e agisce nei confronti di qualsiasi soggetto, sia di diritto pubblico che di diritto privato, anche attraverso attività’ di conciliazione e mediazione sociale, azioni di tutela diretta o con iniziative dirette all’affermazione di un nuovo diritto."

Dallo Statuto di Cittadinanzattiva APS

Per dare un significato concreto sono costituite nel tempo la rete della salute (il Tribunale per i diritti del malato, presente con 19 sedi in Piemonte), della Scuola di Cittadinanza attiva, della Giustizia per i diritti, della tutela dei consumatori. In questi ambiti le azioni di tutela delle persone sono state sostenute con la partecipazione civica.

La sede regionale e le Assemblee territoriali sono intervenute presso le istituzioni per rappresentare il punto di vista dei cittadini nelle politiche, nella organizzazione dei servizi, nella informazione e nella formazione. Sono state sviluppate azioni in quasi tutti i campi della vita pubblica, dall’umanizzazione degli ospedali alla sicurezza delle scuole, dalla diffusione della medicina del dolore alla mobilità sostenibile, dalla integrazione degli immigrati alla conciliazione e molto altro ancora, per arrivare fino alla tutela dei figli delle madri carcerate o alle costituzioni di parte civile. Nei siti regionali e nazionali sono indicati i programmi concreti realizzati, le tecnologie utilizzate, le conoscenze finora accumulate come strumenti utilizzabili per lo sviluppo di nuove azioni.